Tu sei qui

Cellule staminali nel sangue mestruale

02 Maggio 2008

Nel sangue mestruale è presente una fonte potenzialmente illimitata di cellule staminali. Questo è quanto sostengono un gruppo di ricercatori americani del Cardiac Cell Therapy del Mc Gowan Institute for Regenerative Medicine dell'Università di Pittsburgh. Le cellule che derivano dal MenSCs (Menstrual blood stromal cells) possiedono molte proprietà tipiche delle cellule staminali, tra cui le capacità di autoriprodursi e differenziarsi in altri altri tipi cellulari. Le MenSCs riescono a differenziarsi nelle linee cellulari progenitrici delle cellule del tessuto cardiaco, nervoso, osseo, cartilagineo e adiposo. Inoltre possiedono maggiore capacità di espandersi rapidamente e di accrescersi rispetto alle cellule staminali del midollo.” Si tratta di uno studio di grande importanza in quanto il sangue mestruale è una fonte di staminali praticamente illimitata, facilmente reperibile e conveniente. Inoltre non causa problemi etici. L'ampia disponibilità, la versatilità e le ottime capacità rigenerative che hanno dimostrato di possedere, sono caratteristiche di fondamentale importanza poiché oggi, esiste un enorme bisogno di usare cellule che dimostrino l'attitudine ad attecchire e a differenziarsi. Le MenSCs hanno quindi, secondo i ricercatori, tutte le potenzialità per essere utilizzate nelle terapie e nei trapianti in diversi tipi di tessuti e organi. Lo studio dei ricercatori americani è descritto nella rivista “Cell Transplantation”